COACHING
Life Coaching

TRAINER Federico Magnaguagno

GIORNI TUTTI I GIORNI su appuntamento

Federico Magnaguagno, educatore di vocazione, da 27 anni lavora con ragazzi dai 3 anni in su, svolgendo progetti educativi, viaggi di istruzione e progetti contro la dispersione scolastica, il bullismo e a favore dell'integrazione, dell'ascolto attivo e delle strategie di risoluzione dei conflitti di gruppo.

Da oltre 20 anni lavora nel campo della formazione con aziende ed istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, in particolare sui temi della comuncazione, consapevolezza e gestione delle emozioni, problem solving, goal setting, stress management, relazioni conflittuali.

Laureato in Scienze Motorie e laureando in Psicologia, ha svolto numerosi Masater in Italia e all'estero, tra i quali Master Europeo in Experiential Learning, Out Door Training, Coaching e Programmazione Neuro Linguistica, solo per citarne alcuni.

Appasionato e curioso, non smette mai di accrescere il proprio bagaglio di esperienze: ha realizzato anche  alcune ricerche e scritto articoli su riviste scientifiche in campo formativo ed educativo.

LIFE COACHING

Con il termine life coaching si intende una strategia di formazione volta ad un miglioramento dell’individuo. Lo scopo di questa pratica, che si raggiunge con quello che possiamo definire un “allenamento” continuativo, è quello di aiutare le persone a raggiungere i propri obiettivi, siano essi personali, professionali o anche sportivi. La persona, dunque, viene accompagnata progressivamente ad ottenere il massimo rendimento in base alle sue capacità e possibilità, attraverso un percorso progressivo interiore.
L’iter portato avanti da un life coach aiuta quindi l’individuo a sviluppare la propria personalità, avendo ricadute sulla sfera professionale e su quella personale.

Il termine “coach” deriva dal francese coche, che significa “carrozza” o “cocchio”, un mezzo di trasporto guidato da un cocchiere che permette di arrivare alla meta predefinita. La parolacoach, quindi, rimanda alla figura dell’allenatore, colui che permette di raggiungere uno scopo prefissato, attraverso un percorso.

Il life coaching, quindi, si occupa di scoprire il valore potenziale dell’individuo, permettendogli poi di lavorare sullo stesso per raggiungere gli scopi della propria esistenza con più soddisfazione. Il life coaching quindi non ha dei destinatari precisi. Chiunque desideri migliorare il modo di vivere può decidere di affidarsi ad un coach.

Ma come si raggiungono questi obiettivi con il life coaching? Cosa fa di concreto questa pratica per permettere alle persone di migliorarsi così concretamente? Nel panorama italiano questo percorso di formazione non è così diffuso come invece accade in America, dove moltissimi manager e professionisti ne fanno ricorso. Non deve essere confusa però la figura del life coach con quella di uno psicologo. Lo psicologo cura, risolvendo problemi di identità, di personalità e di salute. Il life coach, invece, individua le potenzialità delle persone e aiuta i propri clienti a comprendere quale sia il percorso da fare per raggiungere i propri scopi nella vita. Solitamente questi professionisti si incontrano durante un periodo di cambiamento della propria vita dove non si riesce a comprendere bene quale strada intraprendere.


I punti chiave del coaching sono:

1.scoprire, rendere chiari ed allineare gli obiettivi che la persona desidera raggiungere;

2.guidare in una scoperta personale di tali obiettivi;

3.far in modo che le soluzioni e le strategie da seguire emergano dal protagonista stesso;

4.lasciare piena autonomia e responsabilità alla persona.


Questo approccio può riguardare qualsiasi ambito della propria vita, compreso (ma non solo) quello sportivo.  Diversamente, l’impiego del  coaching può adattarsi alla vita familiare, lavorativa o relazionale, rappresentando uno strumento di valorizzazione delle proprie potenzialità.


A volte abbiamo solo bisogno di un TIME OUT

Nello sport, quando si presentano situazioni critiche, si usa spesso il TIME OUT. Il coach si avvicina ai propri atleti, cerca di comprendere il motivo della difficoltà che stanno attraversando e li aiuta a trovare dentro di loro le risorse per superarle al meglio. Ecco, spesso anche noi nella vita di tutti i giorni a volte abbiamo bisogno di una persona affidabile che sappia fermare per alcuni istanti il gioco, sappia aiutarci a vedere quali sono le difficoltà e ci supporti nel trovare la soluzione migliore.  Abbiamo tutto ciò che ci serve per superare le difficoltà, dobbiamo capire come tirar fuori quelle risorse!


Altre volte siamo rimasti inncastrati in una emozione

Quando lo stallo in cui siamo entrati sembra coinvolgere più aspetti della nostra vita, forse abbiamo bisogno di capire se non ci sia qualche emozione che per qualche motivo ha preso troppo spazio o troppo poco nella nostra vita. Ma a differenza di ciò che farebbe un terapeuta, il coach può aiutarci attraverso esperienze che ci coinvolgano e sostengano in modo esperienziale.

Ci sono emozioni come la rabbia che spesso ricadono in questa categoria di situazioni: culturalmente  tendiamo a reprimerla fin da bambini. Ci sono strategie e tecniche di espressione delle emozioni prese letterlmante in prestito dallo sport, come le arti marziali, o dal teatro o ancora da esercizi di respirazione e meditazione. Un coach che abbia la capacità e la dimestichezza di utilizzare diversi strumenti, potrà proporvi esattamente quel di cui avete bisogno.